La Francia è bella in lungo e in largo mi diranno molti, ed infatti è cosi! Ogni strada, ogni quartiere, ogni spazio verde e non, ricorda un dipinto di Renoir. Sapete quei dipinti che ti basta guardarli e subito ti vien su una voglia matta di avere i poteri magici di Mary Poppins per fare un salto all’interno di essi.

12687894_1776329785985783_1281941326649703455_n

Parigi e la sua celebre Torre sono tra i luoghi più conosciuti di questo paradiso terrestre, ma come sempre io voglio parlarvi di mete non scontate ma comunque singolari nelle loro ammalianti peculiarità.

Una mattina di primavera mi ritrovai tra le strade di Strasburgo e da allora quella meta mi è rimasta dentro. Parigi, Dublino , Basilea, ecc., ognuna delle mete che ho raggiunto tramite quella droga chiamata viaggio ha lasciato in me un qualcosa ma Strasburgo, lei ha scavato tra le emozioni. Mi piace sempre dire che ogni viaggio, ogni persona che incontri ti lascia qualcosa e prende con sé qualcosa, se pur per qualche giorno o qualche attimo quell’incrocio resterà comunque parte di te per sempre.

12687965_1776329872652441_3582966823349626341_nIl nome stesso Strasburgo di origine latina significa “la città delle strade”, ed è proprio delle strade di questo caratteristico agglomerato urbano che io mi sono innamorata subito dopo il primo passo; ci troviamo nella Francia orientale a confine con la Germania, nota anche come capitale politica d’ Europa in quanto sede del Consiglio e del Parlamento d’Europa.

Le attrazioni principali

Il Centro storico, chiamato anche Grande Ile, rappresenta la più caratteristica isola di Strasburgo e non a caso è divenuta patrimonio UNESCO in quanto al suo interno racchiude bellezze architettoniche e paesaggistiche meravigliose.

Camminando lungo le strade incontrerete edifici religiosi, civili o altri spazi che cattureranno la vostra attenzione; tra tutti vi consiglio di visitare la Cattedrale di Notre-Dame anche conosciuta come Cattedrale di Nostra Signora di Strasburgo, monumento della città in stile gotico alta 142 metri e con all’interno tre navate al cui interno racchiude il singolare orologio astronomico, di grande fattura, che riproduce la precessione degli equinozi.

Tra gli edifici religiosi da non perdere vi sono poi il Temple Neuf, chiesa protestante di denominazione luterana, la Chiesa cattolica di Saint- Jean anche essa riconosciuta come monumento storico francese e la Chiesa protestante di Saint- Thomas.

A colpire la vostra sete da viaggiatore, oltre agli edifici religiosi ci saranno quelli civili:

  • la nobiliare residenza stile barocco, il Palazzo dei Rohan;
  • la sede della Camera di Commercio, ossia il palazzo rinascimentale Neue Bau;
  •  il meraviglioso panorama delineato dai ponti coperti che vi doneranno un salto ne medioevo:
  •  la Stazione Centrale, la Sede Universitaria e tutto ciò che vi circonderà vi farà innamorare di questo principesco luogo.

Vi consiglio, ad ora di pranzo di fermarvi in una tipica locanda fra le strade della meravigliosa Strasburgo, le cosiddette winstubs, e di assaggiare Choucroute, foie gras, spaetzlebaeckeoffe, tarte flambée, spaetzle, ossia le grandi specialità tradizionali.

Buon viaggio amici tra le strade di Strasburgo!

City break a Strasburgo

Continua a seguirci

Viaggia con noi!

Condividere i luoghi che ami, i tuoi viaggi, le tue esperienze e i tuoi consigli di viaggio può aiutarti a far vivere la tua passione!

A proposito dell'autore

RosaDiLeva

Rosa Di Leva, laureata in sociologia dell' organizzazione, ama i viaggi , la buona cucina, la natura, gli animali, la dimensione antropologica delle cose, la pittura, la scultura, la musica e l'arte in tutte le sue espressioni; soprattutto ama trasformare le emozioni in parole, da qui il suo amore per la scrittura.

+ 0
Punti totalizzati
412
Posizione
0
Punteggio
13
Post
12
Commenti

Post correlati

1 risposta

  1. enzodib
    enzodib

    Ho in programma un viaggio a Parigi, secondo te è fattibile una visita in giornata di Strasburgo? Non vorrei perdermi questa città e dopo il tuo racconto ho ancora più voglia di andarci.

Scrivi

Eseguendo il login oppure registrandoti accetti le Privacy policy