tragitto viaggio in mtbNei primi giorni di settembre mi sono lanciato in un nuovo giro a due ruote. Insieme alla mia inseparabile Mtb ho percorso più di 400km in 4 giorni, partendo da Alessandria e attraversando tutta la Liguria fino ad arrivare a Saint Tropez. Il viaggio non è stato privo di difficoltà ma del resto questo fa parte del gioco e coloro che amano viaggiare in bicicletta lo sanno!

Partito da Alessandria di buona mattina sono giunto alla sua prima tappa verso metà pomeriggio, Savona. L’arrivo in Liguria non fu indolore. Dovetti superare il Passo del Sassello, che considerando i 25 kg che si portava dietro, non fu di certo una passeggiata. Però che dire, i paesaggi incontrati meritavano tutta la fatica per raggiungerli, eccone un assaggio:

Lì dopo aver goduto le curiosità che la città offriva, ho gustato un meritato bagno nelle acque non troppo calde del mare ligure. Quella sera fui ospitato da un ragazzo conosciuto attraverso la piattaforma di Couchsurfing. Due chiacchiere, un giro per Savona e un film hanno completato la serata.

Dalla Liguria a Saint-Tropez, tra sentieri e sole cocente

Il mattino seguente, carico come sempre, ripartii direzione Sanremo. Il resto del tragitto in territorio italiano non si segnala per particolari avvenimenti. Mi sono limitato a pedalare sotto un sole veramente cocente, a gustarmi il meglio che la Liguria poteva offrire tra cui anche molti bagni ristoratori nel mare ligure tra un sentiero di mezza montagna e l’altro.

Dopo due giorni di pedalate finalmente arrivo in Francia, più precisamente a Nizza. La città hai donava sia bellissime viste di stupendi monumenti e piazze, ma anche delusione nel constatare quanto alcune parti della città fossero veramente tenute male e parecchio sporche. Una cosa che non mi aspettavo vista la reputazione di questo luogo di villeggiatura francese.

I due giorni passati nella cittadina francese mi hanno consentito di godermi tante gustose birre (che a quanto pare costavano meno delle bibite) e girovagare senza una meta specifica.

Due giorni… si, avete capito bene. Alla fine, la meta Saint Tropez, non l’ho mai raggiunta. Un tremendo acquazzone durato per due giorni mi ha costretto a rinunciare a continuare il viaggio e, addirittura, sono dovuto tornare indietro con il trasporto ferroviario perché era impossibile muoversi in bicicletta!

Del resto la breve vacanza era finita e lunedì si doveva ritornare a lavorare. Ma sebbene i giorni furono pochi e niente fu come speravo tornai comunque al lavoro con un bel sorriso sulla faccia.

Ero partito con la mia mtb semplicemente per lasciarmi alle spalle, tutti gli stress e il ritmo quotidiano. In realtà, ero partito, semplicemente, per pedalare. Non era importante la destinazione. Non avevo una vera meta davanti a me ma solo la voglia di andare. A volte dimentichiamo come sia bello e appagante il viaggio dando troppa importanza alla qualità della destinazione!

E voi, vi siete mai ritrovati a viaggiare semplicemente per il gusto di farlo?

Tutta l'attrezzatura che serve per il tuo viaggio in bicicletta

Continua a seguirci

Viaggia con noi!

Condividere i luoghi che ami, i tuoi viaggi, le tue esperienze e i tuoi consigli di viaggio può aiutarti a far vivere la tua passione!

Scrivi

Eseguendo il login oppure registrandoti accetti le Privacy policy