Quattro spiagge da non perdere nella Sardegna occidentale

EBOOK CONSIGLIATO
Attraversando la Sardegna
Alessio Neri, Asterisk edizioni, 2012, Roma

In continente quando si dice Sardegna si dice tutto e si dice niente. La terra dei quattro mori è una delle isole più grandi del Mar Mediterraneo e custodisce numerose attrattive lungo la sua costa.

Con questa piccola fotogallery desidero evidenziare alcuni dei luoghi in assoluto più affascinanti e suggestivi per gli amanti del mare e delle vacanze in spiaggia che è possibile trovare percorrendo la costa occidentale dell’isola sarda.

Il punto di partenza di questo mini-percorso è Piscinas. Un luogo assolutamente unico nel suo genere in quanto si tratta del più grande deserto europeo. Le dune di sabbia finissima, alte anche decine di metri, dall’incontro con il mare si distendono lungo l’entro terra a perdita d’occhio mostrando al visitatore curioso una spiaggia sterminata. Le dune sono costellate da resti di un passato industriale neanche troppo remoto ma ormai sopraffatto dall’arida natura di questo incredibile paesaggio.

Proseguendo lungo la strada panoramica che costeggia la west coast della Sardegna ci si imbatte in un’architettura rocciosa, perfettamente bianca, che forma un doppio arco. Quello più grande prende le sembianze di una splendida baia circondata da natura mediterranea e frequentata da poche centinaia di persone. Il secondo arco, invece, è una vera struttura rocciosa modellata dall’azione del vento e del mare che hanno creato in questo piccolo angolo della costa sarda un gioiellino imperdibile, soprattutto per gli amanti dei tuffi da altezze notevoli e dello snorkeling. Questo posto magico si chiama S’Archittu.

Una volta giunti nella provincia di Oristano non dovete perdervi assolutamente le due perle costiere della zona. La prima è Tharros, un importante sito archeologico degli antico romani (ma in realtà risalente addirittura all’epoca fenicia). Dopo un’interessantissima visita del sito a ridosso del mare, tra terme, colonne e domus romane è anche possibile fare il bagno nella spiaggia limitrofa. Il sito, infatti, si estende in una piccola penisola circondata dalle azzurre acque sarde.

La seconda location imperdibile è quella di Is Arutas, la spiaggia dei quarzi. Incredibile sarà sin da subito la sensazione di camminare su una spiaggia formata da granelli di questo speciale minerale. Lisci e levigati i sassolini di quarzo non si riscaldano neanche durante le ore di maggior calore. Al contrario di qualunque altra spiaggia che conoscete camminare scalzi ad Is Arutas sarà sempre piacevolmente rinfrescante. Purtroppo la spiaggia non è enorme ma è parecchio frequentata, dunque il rischio concreto è di dover cercare a lungo un angolo dove potersi poggiare con i propri teli da mare. I colori straordinari che assume l’acqua grazie al particolare minerale di cui è formata la spiaggia ripagherà la vostra visita anche nel giorno più affollato dell’anno.

Continua a seguirci

1 risposta

Scrivi

Eseguendo il login oppure registrandoti accetti le Privacy policy