Nell’era che stiamo vivendo la narrazione assume un ruolo centrale, in particolare nel suo risvolto collettivo: grazie a tecnologie ormai largamente diffuse, mai come adesso raccontare una storia significa inserirsi in flusso di narrazioni, una sorta di mosaico a più mani.

Le tecnologie attuali ci permettono di raccontare storie in moltissimi modi: la narrazione collettiva viene espansa in senso crossmediale e moltiplica i suoi significati. Ma spesso sono soprattutto le relazioni con i territori che viviamo a darci gli spunti migliori per raccontare la nostra realtà con una prospettiva nuova.

Mappe e community

Quando si parla di viaggi, il valore della narrazione collettiva aumenta in modo particolare: ne abbiamo già parlato in occasione della prima edizione di un’ebook interamente fatto di storie della nostra community, Slowtelling be happy. Questa narrazione non attiene solo alla storia scritta, al reportage fotografico o alla ricetta locale: è legata soprattutto alle persone e alla capacità di scoprire i luoghi in cui vivono.

Una community vive soprattutto delle relazioni che si instaurano fra i suoi membri: nel caso della community di Gente in Viaggio, la capacità e il piacere di raccontare i territori è al centro di questa ottica. Anche per questo motivo, abbiamo raccolto con entusiasmo il suggerimento di Antonino e realizzato la nostra prima mappa collettiva: la geolocalizzazione dei membri della community è solo un primo passo che ci permette di relazionarci in modo più stimolante l’uno con l’altro.

mappa donna

Il crowdmapping è uno strumento dalle grandi potenzialità: in particolar modo quando si parla esperienze e territori. Questa nuova concezione del cartografare è strettamente legata all’aspetto collettivo e partecipativo: una logica bottom-up, che aumenta le possibilità di raccontare i luoghi che viviamo.

Riempiamo il mondo con le nostre storie

In futuro prevediamo di usare questo strumento in molti modi: in particolare per mappare le nostre storie e contribuire a costruire quel patrimonio condiviso che è così prezioso quando si parla di viaggi.

Puoi aiutarci a raggiungere questo obiettivo ambizioso condividendo con gli altri membri della community i luoghi in cui vivi e che ami di più, non solo per il significato che questo ha per la nostra community, ma anche per motivi pratici: conoscere la posizione dell’altro e avere informazioni sui luoghi che vive. Puoi farlo in molti modi: con il form della mappa, commentando questo post, condividendo i luoghi in cui vivi sul gruppo Facebook della nostra community, scrivendoci per email, inviando un luminoso begala nei cieli!

Crowdmapping e operatori turistici, un esempio

Il crowdmapping è importante non solo per chi vuole costruire un patrimonio di storie sui territori, ma anche e soprattutto per gli operatori che con i territori ci lavorano ogni giorno. Saper utilizzare alcuni strumenti fondamentali della nuova narrazione crossmediale è funzionale ad una promozione delle destinazioni (micro o macro non fa molta differenza) basata sull’esperienza.

Lo sa bene il nostro nuovo partner, l’Ecomuseo urbano MareMemoriaViva: palermitani doc che hanno deciso di valorizzare un’aspetto molto particolare e importante del territorio, cioè il rapporto fra Palermo e il mare.

Un museo urbano multimediale e diffuso, che ha permesso il recupero di due spazi dalla valenza storica e sociale unica per la città: l’Ex deposito delle locomotive di S. Erasmo e l’Arsenale della Marina Regia. Qui si raccontano le relazioni dei palermitani con il mare, un elemento centrale per lo sviluppo del Capoluogo siciliano.

Ma la narrazione non si limita al passato: vuole essere costruita e ricostruita in maniera dinamica. Il Geoblog dell’Ecomuseo urbano è un bellissimo esperimento di storytelling collettivo del territorio, creato attraverso gli strumenti di cui parlavamo.

Geoblog Ecomuseo MareMemoriaViva

La narrazione geografica di Palermo viene arricchita dai contributi degli utenti, cittadini e turisti, che permettono così di mantenere viva la memoria di questa splendida città e, allo stesso tempo, di costruirne un pezzo nuovo ogni giorno.

All’interno del geoblog sono mappati i luoghi più significativi della relazione fra Palermo e il mare: racconti fatti di parole e immagini, video e ricette locali, che restituisocno una visione della città originale e autentica. Vi invitiamo dunque a visitarla virtualmente e naturalmente, per quelli di voi che conoscono Palermo, a contribuire.

A proposito di Sicilia…

Non dimenticare che #SlowSicily scade il 12 aprile

Racconta la tua Sicilia e vinci un'esperienza unica sull'isola!

Scrivi

Eseguendo il login oppure registrandoti accetti le Privacy policy